Home » Comunicati

Comunicati


EMILIA ROMAGNA MARZO 2016

marzo 2016 - SVOLTO IL PRIMO INCONTRO TECNICO A BOLOGNA PRESENTI DORIGO LORETI E MAZZOLENI DELLA NS.SEGRETERIA NAZIONALE PRESSO UNO STUDIO LEGALE NS.CONVENZIONATO. LA NS.O.S. STA PREPARANDO LA COSTRUZIONE DELLE VERTENZE CONTRO L'IMPOSIZIONE DEL CARICO/SCARICO AGLI AUTISTI OPERAI E PER LA LORO REMUNERAZIONE ANCHE PER IL PASSATO, DA PARTE DELLE CATENE DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE. CON QUESTA CAMPAGNA SI INTENDE LANCIARE LA LOTTA PER L'UNITA' DI CLASSE OPERAI-AUTISTI-DISOCCUPATI, E NON SOLO SULL'INTERESSE ECONOMICO MA ANCHE SU QUELLO OCCUPAZIONALE. 

05-03-2016 - SVOLTO IL SECONDO INCONTRO IN SEDE SINDACALE ALLA GEV DI PARMA INTERPORTO, PRESENTI GLI RSA DELLA FAO-COBAS E L'AZIENDA CON TRE DELEGATI. TRATTATIVE SEPARATE DA QUELLE DEI CONFEDERALI SONO STATE RICHIESTE DAI LAVORATORI STESSI ED OTTENUTE. 

FAVARO SERVIZI SCADUTO IL CONTRATTO FORCAIOLO

28-02-2016 - LA NS.O.S. HA IMPUGNATO LA SCADENZA DEL CONTRATTO AZIENDALE DI 58 ORE NONCHE' IL NUOVO CONTRATTO AZIENDALE IN VIA DI DEFINIZIONE IN FAVARO SERVIZI A VALLA' DI RIESE PIO X (TV) DOVE LA NS.O.S.NON E' STATA CONVOCATA NONOSTANTE RAPPRESENTI ATTUALMENTE IL 15% DEGLI AUTISTI. QUI IL TESTO DELLA IMPUGNAZIONE CHE VIENE INVIATA ANCHE DAI VARI LAVORATORI INTERESSATI  http://www.slaiprolcobas.eu/impugnazione-Favaro.pdf  

VERONA - BOMMARTINI

LA NS O.S. HA DISDETTATO IL 22-02-2016 DALLA SCADENZA DEL 31-5-2016 IL CONTRATTO AZIENDALE DELLA BOMMARTINI DI SOAVE (VR).

INTERVENTO ORGANIZZATO A TORINO

21-02-2016 - SI E' SVOLTA CON SUCCESSO LA PRIMA ASSEMBLEA PIEMONTESE DELLA NS.O.S. ALL'INTERPORTO DI RIVALTA (TO) 

GENERALE SERVIZI - MARCON SPEDIZIONI

19-02-2016 - VENEZIA MESTRE - SI E' PROCEDUTO A VENEZIA ALLA RIUNIONE DI RAFFREDDAMENTO INERENTE LE CESSIONI DI CONTRATTO DALLA GENERALE SERVIZI AD ALTRA AZIENDA.  NEL VERBALE L'AZIENDA HA ACCETTATO LA PROPOSTA DELLA NS.O.S. 

GRAVE INFORTUNIO AD AUTISTA ZANARDO A SCORZE'

16-02-2016 - ENNESIMO GRAVE INFORTUNIO SUL LAVORO ALLA SAN BENEDETTO DI SCORZE'. QUESTA VOLTA E' TOCCATO A ION, NOSTRA AVANGUARDIA SINDACALE ALLA ZANARDO SERVIZI LOGISTICI, CHE SUBITO DOPO UN RIFIUTO AD UN SERVIZIO LAVORATIVO ECCEDENTE L'ORARIO SETTIMANALE DI LAVORO, IN UNA AZIENDA CHE NON HA MAI CONCESSO I RIPOSI COMPENSATIVI DELLO STRAORDINARIO, SI E' VISTO DEMANSIONATO AL LAVORO DI PIAZZALE IN SAN BENEDETTO DOPO MOLTI ANNI DI DURO LAVORO DI LINEA. AL SECONDO GIORNO DI LAVORO IN PIAZZALE, TRA SEMIRIMORCHI E TELONI, HA AVUTO UN GRAVE INCIDENTE AL MENISCO A CAUSA DI UNO SFORZO DOVUTO AD UN TELONE CHE SI ERA INCASTRATO. RECATOSI AL PRONTO SOCCORSO, HA AVUTO DUE SETTIMANE DI PROGNOSI ED E' SOTTO OSSERVAZIONE DELL'INAIL. 

APERTE TRATTATIVE A PARMA PER GEV

13-02-2016 - APERTE LE TRATTATIVE PER IL CONTRATTO AZIENDALE E LE NS.RIVENDICAZIONI A PARMA IN GEV DOVE LA NS.O.S. HA UNA PRESENZA IMPORTANTE. ALL'INCONTRO ERANO PRESENTI I NS.RSA DELLA GEV NONCHE' IL COORDINATORE NAZIONALE, IL COORDINATORE PER L'EMILIA ROMAGNA, E UNO DEI TRE LICENZIATI PER LA CHIUSURA DELLA SEDE DI PADOVA DELLA KOINE'. QUI LA NOTA PRESENTATA DALLA NS.O.S. AL PRIMO INCONTRO DEL 13-02-2016   http://www.slaiprolcobas.eu/documentobaseGEV.pdf  

RESPONSABILE FAO PER BOLOGNA

 LA NS.O.S. HA APERTO L'INTERVENTO SINDACALE ORGANIZZATO A BOLOGNA E PER L'EMILIA ROMAGNA NOMINANDO IL COMPAGNO LORETI COORDINATORE REGIONALE. LA NS.O.S. DOPO LA TRISTE ESPERIENZA DEL COORDINATORE REGIONALE DEL LAZIO ESPULSO IL 30-11-2014, NON DESISTE DAL PROCEDERE SULLA VIA DELLA COSTRUZIONE ORGANIZZATIVA PARTECIPATIVA NON FUNZIONARIALE ED ORIZZONTALE E TERRITORIALE COME GIA' STA DIMOSTRANDO A BERGAMO, MILANO, VERONA, E IN VARIE ALTRE SITUAZIONI 

24-01-2016 - APPROVATO IL BILANCIO SLAIPROLCOBAS – FAO-COBAS

L'APPROVAZIONE EMESSA DAL COMITATO DI CONTROLLO CONGIUNTO DECISO AL CONGRESSO – LE ENTRATE ED USCITE DEL 2015 IN QUESTO SCHEMA:   http://www.slaicobasmarghera.org/Bilancio2015-Slaiprolcobas-FaoCobas.pdf 

 

27-01-2016 SAN GIORGIO IN BOSCO

27-01-2016 – ACQUA VERA SAN GIORGIO IN BOSCO (PD) -  QUI LA LETTERA APERTA DI DIEGO ROSSI, ns.RSA FAO-COBAS:    http://slaicobasmarghera.org/FAO/2016127-ACQUAVERA-1.pdf  http://slaicobasmarghera.org/FAO/2016127-ACQUAVERA-2.pdf  – IN  LOTTA rimangono in 3 (TRE) i lavoratori autisti operai della sede Koiné - Acqua Vera di San Giorgio in Bosco (PD), DOPO 6 LICENZIAMENTI DISCIPLINARI, DIVERSE DIMISSIONI PER ANDARE A LAVORARE ALTROVE, E POCHI ALTRI CHE HANNO ACCETTATO IL TRASFERIMENTO A MADONE, LA LOTTA ALL’ACQUA VERA CONTINUA CON LA DURA MESSA A DISPOSIZIONE QUOTIDIANA DEI TRE LAVORATORI, CONTRO LA SCANDALOSA  SVENDITA DEI DIRITTI attuata da Cgil-Filt di Padova che poco prima di Natale 2015 si è prestata al gioco di Koiné firmando conciliazioni 411 cpc per 6.000 euro per ogni lavoratore licenziato … Un gioco tutt’altro che legittimo: infatti la ns.O.S., maggioritaria in Azienda, ha dovuto impugnare una procedura illegittima di CIGS e mobilità a Calenzano, nonché una procedura nulla di chiusura delle sedi di Fiumicino-San Giorgio in Bosco-Cepina, MA UNA SERIE DI LAVORATORI, ANCHE ALCUNI NS.ISCRITTI, HANNO ACCETTATO IL RICATTO PADRONALE, O VAI A LAVORARE A MADONE O TI LICENZIO…. Un gioco tutt’altro che legittimo, che segue una falcidiante sequela di “dimissioni” per lavorare subito dopo per terze ditte, e di licenziamenti disciplinari (che anche se vinti, con la Legge Fornero non hanno portato alla reintegra) all’interno del piano deciso dalla Koiné spa sin dal 2013, di eliminazione progressiva di tutto il personale viaggiante; tanto illegittimo che anche una decina di anni fa vi erano stati spostamenti forzati degli stessi autisti da Acqua Vera a Madone e quindi di nuovo ad Acqua Vera; un gioco tutt’altro che legittimo,  avallato dai dirigenti nazionali Cgil-Filt, Cisl-Fit e Uiltrasporti che hanno accettato senza contropartite, accordandosi con FEDIT a Roma il 8-10-2015. La chiusura delle sedi infatti segue il passaggio di molti mezzi e di tutti gli appalti a terze ditte che operano da anni per Koiné e in un caso di una ditta creata (a Prato) anche da un socio di Koiné, queste ditte, Goisis, Trilem, Kairos, seguono le già avviate Panarella e Bianchi, nell’assumere anche direttamente in certi casi il personale Koiné “dimesso” 

NO ALLE MONTATURE CONTRO LA FAO-COBAS

12-01-2016 - TRIBUNALE DI VENEZIA - Il ns.coordinatore nazionale ha ben difeso la ns.attivitò sindacale in sede di interrogatorio a Venezia, dove era sentito per una querela delle sole ditte SAINI di Orzinuovi (BS) e questo ridimensiona un po' la portata della cosa anche in relazione alla ns.richiesta di mobilitazione, visto che stanno accadendo cose ancor più gravi. Ci riferiamo alla necessaria ns.solidarietà verso il responsabile di Slai Cobas di Dalmine (BG) e per le gravi intimidazioni che periodicamente raggiungono questa sede sindacale (ricordiamo le pistolettate verso l'auto di un delegato K & N, il pestaggio di un delegato K & N nel 2014, e oggi la benzina versata sotto casa di questo compagno).

dicembre 2015

FINE ANNO BOLLENTE NELL’AUTOTRASPORTO MERCI. MOLTI I CASI DI AZIENDE CHE CAMBIANO NOME CERCANDO DI OTTENERE DAI LAVORATORI LE DIMISSIONI. DIVERSI CASI DI AZIENDE CHE FANNO CONTRATTI AZIENDALI DI FORFETTIZZAZIONE PRATICAMENTE DI NASCOSTO

29-12-2015 - UDINE - ITALSPED

Condannata al risarcimento per illegittimo licenziamento di un lavoratore ns.iscritto dal Tribunale del Lavoro di Udine, la Italsped. 

Padova - dimissioni no grazie

24-12-2015 I lavoratori della FAO-COBAS del gruppo Franchin di Ospedaletto Euganeo con la loro determinazione ed unità hanno ottenuto la cessione di contratto alle 2 nuove ditte del gruppo, le aziende hanno accettato la nostra proposta e si sono firmati gli accordi che prevedono tra l'altro il passaggio automatico anche delle deleghe sindacali.

CHIUSURE E CAMBI DI IMPRESE - I CASI DI SEGRATE E DI SAN GIORGIO IN BOSCO

CHIUSURE E CAMBI DI IMPRESE - I CASI DI SEGRATE E DI SAN GIORGIO IN BOSCO - FEDERAZIONE AUTISTI OPERAI

I CONFEDERALI NON SI OPPONGONO MAI ALLA CHIUSURA E RIAPERTURA DI AZIENDE NEL SETTORE TRASPORTI: BMG SEGRATE (MI)

Licenziamenti selettivi e discriminatori a Segrate dell’appalto Betatrans, BMG. I lavoratori di FAO-COBAS si preparano alle cause in Tribunale del lavoro, anche qui passaggi di ditte. Del resto i discriminati licenziati trovano lavoro poi in altre aziende (in questo caso, mica sempre) così spesso delle battaglie importanti sfumano nelle aule dei Tribunali. Le posizioni dei ns.iscritti conciliate in Tribunale a fine 2016. Sono i lavoratori a decidere le conciliazioni, senza accorgersi che in questo modo rendono più forti il padronato. Ma è l'effetto combinato anche dello stravolgimento dello stato di diritto.

I CONFEDERALI CON LE LORO SEGRETERIE NAZIONALI FIRMANO CHIUSURE DI AZIENDE FLORIDE CHE CAMUFFANO TERZIARIZZAZIONE DEL SERVIZIO TRASPORTO MERCI: DOPO FIUMICINO, KOINE' PADOVA E FIRENZE

I lavoratori che seguono la ns.linea a San Giorgio in Bosco e Calenzano,opponendosi alla chiusura delle sedi periferiche Koiné hanno impugnato il trasferimento annunciato a Madone e non accettano ignobili svendite dei diritti con monetizzazione al ribasso delle buone uscite siglate dai confederali. Diversi lavoratori hanno però accettato il trasferimento a Madone, di cui Koiné di fatto sta preparando l'elisione del parco-autisti per il 2017. Anche qui due lavoratori italiani hanno poi conciliato in Tribunale nel dicembre 2016, mentre un autista indiano coraggiosamente continua l'iter processuale. In questo caso, scandalosa opinione del giudice Bertoncini: a Padova, con 23 iscritti su 33 autisti, la ns.O.S. avrebbe dovuto inviare anche il verbale di elezione dei RSA per validarli in azienda, e non semplicemente inviare la comunicazione. Del resto l'assurdità di tale "opinione liberale" e oggettivamente filo-padronale della giudice di Bergamo emerge anche di fronte al fatto che in almeno tre occasioni di trattative con Koiné (a Roma, ancora a Roma e quindi a Firenze) avevano partecipato alla riunione i delegati RSA della sede di Padova. Qui la negazione delle trattative (anche a fronte di scioperi in parte proclamati ed effettivamente svolti, in parte proclamati e sospesi per la riapertura di trattativa) da parte del giudice appare addirittura incredibile. La rottura effettiva e totale delle trattative avvenne nel ottobre 2014. Si prosegue in questo caso sino all'ultimo dei gradi di giustizia.