Home » Comunicati

Comunicati


27-01-2016 SAN GIORGIO IN BOSCO

27-01-2016 – ACQUA VERA SAN GIORGIO IN BOSCO (PD) -  QUI LA LETTERA APERTA DI DIEGO ROSSI, ns.RSA FAO-COBAS:    http://slaicobasmarghera.org/FAO/2016127-ACQUAVERA-1.pdf  http://slaicobasmarghera.org/FAO/2016127-ACQUAVERA-2.pdf  – IN  LOTTA rimangono in 3 (TRE) i lavoratori autisti operai della sede Koiné - Acqua Vera di San Giorgio in Bosco (PD), DOPO 6 LICENZIAMENTI DISCIPLINARI, DIVERSE DIMISSIONI PER ANDARE A LAVORARE ALTROVE, E POCHI ALTRI CHE HANNO ACCETTATO IL TRASFERIMENTO A MADONE, LA LOTTA ALL’ACQUA VERA CONTINUA CON LA DURA MESSA A DISPOSIZIONE QUOTIDIANA DEI TRE LAVORATORI, CONTRO LA SCANDALOSA  SVENDITA DEI DIRITTI attuata da Cgil-Filt di Padova che poco prima di Natale 2015 si è prestata al gioco di Koiné firmando conciliazioni 411 cpc per 6.000 euro per ogni lavoratore licenziato … Un gioco tutt’altro che legittimo: infatti la ns.O.S., maggioritaria in Azienda, ha dovuto impugnare una procedura illegittima di CIGS e mobilità a Calenzano, nonché una procedura nulla di chiusura delle sedi di Fiumicino-San Giorgio in Bosco-Cepina, MA UNA SERIE DI LAVORATORI, ANCHE ALCUNI NS.ISCRITTI, HANNO ACCETTATO IL RICATTO PADRONALE, O VAI A LAVORARE A MADONE O TI LICENZIO…. Un gioco tutt’altro che legittimo, che segue una falcidiante sequela di “dimissioni” per lavorare subito dopo per terze ditte, e di licenziamenti disciplinari (che anche se vinti, con la Legge Fornero non hanno portato alla reintegra) all’interno del piano deciso dalla Koiné spa sin dal 2013, di eliminazione progressiva di tutto il personale viaggiante; tanto illegittimo che anche una decina di anni fa vi erano stati spostamenti forzati degli stessi autisti da Acqua Vera a Madone e quindi di nuovo ad Acqua Vera; un gioco tutt’altro che legittimo,  avallato dai dirigenti nazionali Cgil-Filt, Cisl-Fit e Uiltrasporti che hanno accettato senza contropartite, accordandosi con FEDIT a Roma il 8-10-2015. La chiusura delle sedi infatti segue il passaggio di molti mezzi e di tutti gli appalti a terze ditte che operano da anni per Koiné e in un caso di una ditta creata (a Prato) anche da un socio di Koiné, queste ditte, Goisis, Trilem, Kairos, seguono le già avviate Panarella e Bianchi, nell’assumere anche direttamente in certi casi il personale Koiné “dimesso” 

NO ALLE MONTATURE CONTRO LA FAO-COBAS

12-01-2016 - TRIBUNALE DI VENEZIA - Il ns.coordinatore nazionale ha ben difeso la ns.attivitò sindacale in sede di interrogatorio a Venezia, dove era sentito per una querela delle sole ditte SAINI di Orzinuovi (BS) e questo ridimensiona un po' la portata della cosa anche in relazione alla ns.richiesta di mobilitazione, visto che stanno accadendo cose ancor più gravi. Ci riferiamo alla necessaria ns.solidarietà verso il responsabile di Slai Cobas di Dalmine (BG) e per le gravi intimidazioni che periodicamente raggiungono questa sede sindacale (ricordiamo le pistolettate verso l'auto di un delegato K & N, il pestaggio di un delegato K & N nel 2014, e oggi la benzina versata sotto casa di questo compagno).

dicembre 2015

FINE ANNO BOLLENTE NELL’AUTOTRASPORTO MERCI. MOLTI I CASI DI AZIENDE CHE CAMBIANO NOME CERCANDO DI OTTENERE DAI LAVORATORI LE DIMISSIONI. DIVERSI CASI DI AZIENDE CHE FANNO CONTRATTI AZIENDALI DI FORFETTIZZAZIONE PRATICAMENTE DI NASCOSTO

29-12-2015 - UDINE - ITALSPED

Condannata al risarcimento per illegittimo licenziamento di un lavoratore ns.iscritto dal Tribunale del Lavoro di Udine, la Italsped. 

Padova - dimissioni no grazie

24-12-2015 I lavoratori della FAO-COBAS del gruppo Franchin di Ospedaletto Euganeo con la loro determinazione ed unità hanno ottenuto la cessione di contratto alle 2 nuove ditte del gruppo, le aziende hanno accettato la nostra proposta e si sono firmati gli accordi che prevedono tra l'altro il passaggio automatico anche delle deleghe sindacali.

CHIUSURE E CAMBI DI IMPRESE - I CASI DI SEGRATE E DI SAN GIORGIO IN BOSCO

CHIUSURE E CAMBI DI IMPRESE - I CASI DI SEGRATE E DI SAN GIORGIO IN BOSCO - FEDERAZIONE AUTISTI OPERAI

I CONFEDERALI NON SI OPPONGONO MAI ALLA CHIUSURA E RIAPERTURA DI AZIENDE NEL SETTORE TRASPORTI: BMG SEGRATE (MI)

Licenziamenti selettivi e discriminatori a Segrate dell’appalto Betatrans, BMG. I lavoratori di FAO-COBAS si preparano alle cause in Tribunale del lavoro, anche qui passaggi di ditte. Del resto i discriminati licenziati trovano lavoro poi in altre aziende (in questo caso, mica sempre) così spesso delle battaglie importanti sfumano nelle aule dei Tribunali. Le posizioni dei ns.iscritti conciliate in Tribunale a fine 2016. Sono i lavoratori a decidere le conciliazioni, senza accorgersi che in questo modo rendono più forti il padronato. Ma è l'effetto combinato anche dello stravolgimento dello stato di diritto.

I CONFEDERALI CON LE LORO SEGRETERIE NAZIONALI FIRMANO CHIUSURE DI AZIENDE FLORIDE CHE CAMUFFANO TERZIARIZZAZIONE DEL SERVIZIO TRASPORTO MERCI: DOPO FIUMICINO, KOINE' PADOVA E FIRENZE

I lavoratori che seguono la ns.linea a San Giorgio in Bosco e Calenzano,opponendosi alla chiusura delle sedi periferiche Koiné hanno impugnato il trasferimento annunciato a Madone e non accettano ignobili svendite dei diritti con monetizzazione al ribasso delle buone uscite siglate dai confederali. Diversi lavoratori hanno però accettato il trasferimento a Madone, di cui Koiné di fatto sta preparando l'elisione del parco-autisti per il 2017. Anche qui due lavoratori italiani hanno poi conciliato in Tribunale nel dicembre 2016, mentre un autista indiano coraggiosamente continua l'iter processuale. In questo caso, scandalosa opinione del giudice Bertoncini: a Padova, con 23 iscritti su 33 autisti, la ns.O.S. avrebbe dovuto inviare anche il verbale di elezione dei RSA per validarli in azienda, e non semplicemente inviare la comunicazione. Del resto l'assurdità di tale "opinione liberale" e oggettivamente filo-padronale della giudice di Bergamo emerge anche di fronte al fatto che in almeno tre occasioni di trattative con Koiné (a Roma, ancora a Roma e quindi a Firenze) avevano partecipato alla riunione i delegati RSA della sede di Padova. Qui la negazione delle trattative (anche a fronte di scioperi in parte proclamati ed effettivamente svolti, in parte proclamati e sospesi per la riapertura di trattativa) da parte del giudice appare addirittura incredibile. La rottura effettiva e totale delle trattative avvenne nel ottobre 2014. Si prosegue in questo caso sino all'ultimo dei gradi di giustizia.

AUTAMAROCCHI - LO SCANDALISMO DEI GIORNALI NON DIFENDE GLI AUTISTI E GLI OPERAI

SCANDALO SENZA FINE: IL "FATTO QUOTIDIANO" PARLA SEMPRE DI SCANDALI MA MAI DI QUESTO GENERE DI SCANDALI !!! Sempre più estesa la violazione della democrazia sindacale. 

30-11-2015 - L’esempio del referendum in Autamarocchi organizzato dai confederali, che in uno striminzito comunicato del 1 dicembre non diffonde i numeri precisi della partecipazione e dei voti al referendum del 28-11-2015 dei circa 600 dipendenti dell’Azienda. Si calcola che quasi tutti e 200 i lavoratori di Tortona e quasi tutti quelli di Parma non abbiano votato. A questo si aggiunga che la Assemblea che era stata inizialmente svolta dai responsabili della Filt Cgil di Padova aveva bocciato con 80 voti contro 10 questo accordo. Come sia possibile aver raggiunto il quorum del 50% più 1 ? E questo al di là della nostra opposizione ai metodi referendari aziendali in un settore in cui i lavoratori non sono mai in azienda. Riteniamo dunque vada fatta luce sui veri numeri di questo referendum.

Noi  riteniamo nullo questo referendum, che come per la chiusura delle sedi periferiche Koiné, è stato frutto delle decisioni dell'Azienda e dei vertici nazionali dei confederali !!!

"nuovo" contratto aziendale ITALTRANS

"nuovo" contratto aziendale ITALTRANS - FEDERAZIONE AUTISTI OPERAI

Dicembre 2015 - La ns.O.S. IMPUGNA il contratto aziendale Italtrans di cui non si sapeva nulla e lo scova attraverso l’accesso agli atti al Ministero del Lavoro. Il "nuovo" contratto è stato firmato senza alcuna assemblea e/o consultazione, segretamente, nella primavera 2015, e rivalida secondo Italtrans e FAI Bergamo, il contratto già scaduto il 31-12-2012. Va ricordata la anomalia che nel agosto 2013 fino al 31-12-2014 era andato vigente altro contratto aziendale Italtrans, con la cui impugnazione il ns.sindacato aveva iniziato a "non piacere" al titolare sig.Bellina. La ns.O.S. proclama sciopero per sabato 2 e domenica 3 gennaio 2016 in tutte le sedi Italtrans del personale viaggiante. 

dicembre 2015 - continuità di impresa nel trasporto merci

VINTA IMPORTANTE CAUSA DA NOI AVVIATA A VENEZIA.

RICONOSCIUTA CONTINUITA’ DI IMPRESA TRA COSENTINO TRASPORTI E COSENTINO TRASPORTI E LOGISTICA di San Stino di Livenza.

Il ricorrente si era rifiutato di firmare le dimissioni della ditta "A" per essere riassunto alla ditta "B".

Importante il risarcimento a 2 anni dalla perdita del posto di lavoro.

DICEMBRE 2015 - CESSIONE DI CONTRATTO ALLA PULEIO (PADOVA-SICILIA)

 07-12-2015 - Accordo sindacale di cessione di contratto dalla ditta Puleio alla ditta GDA, siglato a Mira nella ns.sede sindacale con la azienda ed i lavoratori ns.iscritti. Anche in questo caso si è verificata la diversità di impostazione e di obiettivi rispetto ad altro sindacato di base, ADL cobas, che ha gestito le trattative dei suoi iscritti all'insegna della "buona uscita".

 

novembre - dicembre 2015 - Avogadro appalto Italtrans

novembre - dicembre 2015 - Avogadro appalto Italtrans - FEDERAZIONE AUTISTI OPERAI

Novembre.dicembre 2015 - I lavoratori ns.iscritti della AVOGADRO (appalto ITALTRANS) in sciopero le domeniche, imposte come lavorative nonostante recente sentenza Cassazione, da una Azienda che si ostina a negare trattativa sindacale e riconoscimento alla sua prima OS. 

05 novembre 2015 Grande vittoria di SLAI COBAS

05 novembre 2015 Grande vittoria di SLAI COBAS - FEDERAZIONE AUTISTI OPERAI

GRANDE SUCCESSO GIURIDICO DELL'AUTORGANIZZAZIONE DEI LAVORATORI E DELLO SLAI COBAS ! 05 novembre 2015 importante sentenza della Cassazione riconosce rappresentatività nazionale allo SLAI COBAS in forza della sua presenza e radicamento. Precisiamo che è in corso lo stabilimento del rapporto federaztivo NAZIONALE tra le ns.Organizzazioni SLAIPROLCOBAS e FAO-COBAS con lo SLAI COBAS e che il ns.coordinamento nazionale si terrà appunto il 20 dicembre a Milano. Qui http://www.slaicobasmarghera.org/20151105-dirittosindacaleSLAICobas.pdf    LA CORTE DI CASSAZIONE HA SANCITO CHE AI FINI DELL’ART.28 E DEI DIRITTI SINDACALI TUTELATI DALLO STATUTO DEI LAVORATORI, LO SLAI COBAS ESSENDO ORGANIZZAZIONE NAZIONALE CON SIGNIFICATIVA PRESENZA NELLE GRANDI FABBRICHE E PRESENTE IN 57 PROVINCE (NOI COME SLAIPROLCOBAS E FAO-COBAS SIAMO PRESENTI IN UN NUMERO PRATICAMENTE UGUALE DI PROVINCE), HA OGNI DIRITTO ANCHE SE NON “MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVA”. 

INTIMAZIONE CONTRO CONCILIAZIONI DI KOINE' CON "SINDACATI" CONCILIANTI

07-09-2015 - LA NOSTRA INTIMAZIONE ALLA KOINE' CHE PER FAR LAVORARE IN ALTRA SEDE GLI AUTISTI DI CALENZANO PRETENDE DA LORO LA FIRMA CON CGIL DI ACCORDI DI CONCILIAZIONE PER ITRASFERIMENTI A MADONE. RICORDIAMO CHE LA NS.O.S. HA DENUNCIATO A TUTTI I LIVELLI LA CHIUSURA DI CALENZANO ACCETTATA CON UN VOLTAFACCIA INCREDIBILE DAI CONFEDERALI LO SCORSO GIUGNO/LUGLIO 2015. QUI IL TESTO DELLA NS.LETTERA ODIERNA.   CLICCA QUI 

NON VUOI FARE COME GLI ALTRI ? PERIODO DI PROVA NEGATIVO

19/21-08-2015 - DIAMO NOTIZIA DI UNA IMPORTANTE SENTENZA DEL GIUDICE DEL LAVORO DI VENEZIA CONTRO LA CHEMILOG (GRUPPO SCARPA DI SCORZE') PER LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO DI UN AUTISTA SERBO DI PROVATA ESPERIENZA, LICENZIATO PER "MANCATO SUPERAMENTO DEL PERIODO DI PROVA". DECISIVE PER L'ESITO LE TESTIMONIANZE IN AULA CHE HANNO CONFERMATO IL RICORSO DEL LAVORATORE NS.ISCRITTO, PATROCINATO DALL'AVV.ZANARELLO. PER LA SENTENZA  CLICCA QUI -  ARTICOLI A STAMPA SULLA SENTENZA   CLICCA QUI  

 

AVOGADRO (APPALTO ITALTRANS)

AVOGADRO (APPALTO ITALTRANS) - FEDERAZIONE AUTISTI OPERAI

03/05-08-2015 - SCIOPERO MANTENUTO A 3 GIORNI DA DOMENICA NOTTE ALLE 24 DI MERCOLEDI' DEI LAVORATORI DELLA FAO-COBAS DELLA AVOGADRO (BG), appalto Italtrans, CON PRESIDIO INNANZI IL "GIGANTE" A BASIANO (MI), sede operativa della Avogadro. Qui la riproduzione del volantino diffuso dai lavoratori:   CLICCA QUI - clicca qui per alcune fotografie del presidio - FOTO STRISCIONE FOTO STRISCIONE - Alle prime ore del presidio ha presenziato anche il ns.coordinatore nazionale Paolo Dorigo. La Azienda persiste a non voler trattare con la prima O.S. per numero di iscritti, impugnata l'applicazione del contratto provinciale FAI di Bergamo del 1 marzo 2015 che l'Azienda ha comunicato ai lavoratori solo il 15-16 luglio 2015.